Geriatriiko - Case di Riposo - Servizi Sanitari - Mobilità - Blog Anziani

Home Blog Forum Accedi

I molti bisogni degli anziani: le necessità per rimanere attivi

Scritto da Le Parole di Geriatriko
Lunedì, 23 Novembre 2020 - 

Quando si diventa anziani il pericolo più concreto è quello di finire parcheggiati nella più grigia delle case di riposo. Questo può accadere per propria scelta o per volontà dei propri familiari.

In realtà il vero obiettivo è quello di rimanere attivi il più a lungo possibile. Lo abbiamo già detto parlando della ginnastica e dell’attività fisica degli anziani: il corpo non è fatto per rimanere fermo.

Potrebbe interessarti l'articolo su: L'importanza della ginnastica e del movimento durante la terza età

Quando si diventa vecchi la salute vien meno, la reattività è sempre più lenta, le energie si riducono. È il naturale decorso di una vita umana. Questo però non significa pensare che la vecchiaia sia un handicap. Secondo noi diventare anziani, entrare nella terza età rappresenta un’opportunità, un momento in cui va ripensata l’intera esistenza.  

Siamo bambini e dobbiamo imparare a camminare, siamo adolescenti e dobbiamo imparare a maturare, da adulti i problemi non mancano ed in ciascuna delle stagioni della vita ci sono nuove sfide da risolvere. Che si parli di noi stessi o dei nostri parenti l’entrata nella terza età significa nuovi bisogni ai quali dobbiamo rispondere con nuove soluzioni.  

La qualità della vita durante la terza età si può cambiare in base al grado di salute e in base al grado di autosufficienza e autonomia.

Intorno alla condizione dell’anziano ruotano un’infinità di bisogni del singolo individuo o dell’intero gruppo familiare. Quali sono i bisogni degli anziani?

Siamo davvero consapevoli delle necessità che possono cambiare la qualità della vita di un anziano e della sua famiglia?

Bisogni degli anziani autosufficienti e non-autosufficienti

Ci siamo permessi di pensare ai bisogni degli anziani partendo dai più elementari e fondamentali per la vita fino quelli più astratti.

Bisogni elementari degli anziani

  • Bisogni fisici elementari
    • Alimentazione
    • Bisogni fisiologici di base
    • Mobilità e attività fisica
  • Bisogni medici, sanitari e di cura
    • Gestione dell’incontinenza
    • Analisi e visite mediche
    • Acquisto farmaci
    • Somministrazione farmaci con cadenza corretta
  • Bisogni organizzativi quotidiani
    • Gestione delle incombenze domestiche
      • Pulizia, spesa, pagare le bollette
    • Gestione delle incombenze burocratiche
      • Prenotare una visita, richiedere un documento, una riunione di condominio...
  • Bisogni psicologici
    • Bisogno di indipendenza e autonomia
    • Solitudine e stato di abbandono
    • Paura di invecchiare
    • Paura di dimenticare
    • Noia e depressione
      • Una partita a carte o giochi di società
      • Andare al teatro
      • Visitare un luogo o vedere il tramonto al mare...
    • Mancanza di motivazioni

Bisogni delle famiglie

Oltre ai bisogni dell’anziano bisogna imparare a rispondere ai bisogni della famiglia. Un anziano, perdendo la sua autonomia, rischia di sentirsi di peso alla famiglia. Questo può influire sull’umore e sulla propria capacità di reagire alle avversità.

Conoscere i bisogni delle famiglie è importante a risolverli e alleggerire quel disagio diffuso dall’arrivo di nuove difficoltà.

Quali impegni e quali bisogni hanno i familiari di un membro anziano?

  • Preoccupazione di non lasciare solo il proprio anziano durante la propria assenza
    • Nel quotidiano (quando ci si assenta per lavoro)
    • Durante le ferie
    • Per trasferte di lavoro impreviste
  • Il pensiero di soddisfare i bisogni elementari dei propri anziani (vedi sopra)
  • Trovare informazioni corrette per la gestione del proprio anziano
  • Desiderio di portare il proprio “vecchietto” in vacanza con la famiglia
  • Trovare una collocazione residenziale adeguata
  • Affidare il proprio anziano ad un servizio assistenziale affidabile.

Guadare al presente con fiducia

Famiglia nonni e nipotiIn una società complessa come quella in cui viviamo ora può non sembrare semplice organizzare la vita e prendersi cura dei propri anziani. È vero in alcuni momenti può sembrare difficile per tutti ma in Europa (ed in tutto il mondo) l’aspettativa di vita negli ultimi 60 anni è cambiata radicalmente. Siamo passati da una media di 66 anni (degli anni ’60) ad una media dei 77 anni nel 2015. In Italia inoltre l’aspettativa di vita è cresciuta fino addirittura sopra la media europea raggiungendo gli 83 anni.

Noi di Geriatriko abbiamo imparato a guardare con ottimismo al mondo in cui viviamo. Noi sappiamo che in questa società c’è sufficiente tecnologia, sufficienti risorse organizzative, tanta conoscenza che prima non esisteva.

Non mancano le idee, non mancano le persone, non manca la buona volontà. Bisogna solo saper sfruttare nel modo corretto quello che c’è già a disposizione.

Va detto che fra i bisogni psicologici degli anziani abbiamo inserito per ultimo la “mancanza di motivazione” ma forse avremmo dovuto metterlo fra i primissimi bisogni.
La mancanza di motivazione è centrale nella vita di un giovane, di un adulto così come di un anziano. Senza motivazioni non si hanno ragioni valide di compiere uno sforzo, rimanere attivi ed impegnarsi in qualche tipo di attività, o semplicemente fare una passeggiata rigenerante.

In tal senso siamo anche consapevoli del fatto che uno dei grandi bisogni degli anziani è proprio il supporto psicologico che proviene dalla famiglia e da parte di tutte le persone che intervengono nella vita quotidiana.